giovedì 30 marzo 2017

Intervista sulla tragica morte causa Lg.Mancino a L'Aquila (5).

Sulla
tragica morte della povera Katia De Ritis (leggi http://mauriziodangelo.blogspot.it/2016/09/laquila-tragica-morte-causa-della-legge.html ) pubblico questo articolo:

Ricciardi: "Può ricordare, in una sintesi chiarificatrice, quali erano le ipotesi di reato che cui era stata inquisita la sua assistita, Katia De Ritis, ed i motivi per cui ritiene che tali accuse fossero ingiustificate? "

Vecchioli: "Katia de Ritis è stata inquisita insieme a 20 altri soggetti  per i reati p. e p. dall'art. 270 bis cp per aver promosso, costituito ed organizzato l'associazione "Avanguardia Ordinovista .." ( sic.)  - Associazione inventata da alcuni sedicenti camerati, già patteggianti e pentiti ancor prima del " giudizio immediato", ignoranti non solo della storia recente e delle vicissitudini dell'ambiente che hanno provato per dabbenaggine e goffa presunzione a sbeffeggiare, neanche avendo contezza di quanto fosse distante Avanguardia da Ordine Nuovo poi Nero. IL tutto si basa su intercettazioni ambientali ridicole di cene e pettegolezzi vari, come di demenziali disquisizioni sedicenti rivoluzionarie ma rimaste sempre mere masturbazioni che non definisco mentali considerando i soggetti cui vengono attribuite. Sepolte tra le intercettazioni sono state reperite alcune affermazioni degli allegri buontemponi coimputati di Katia che ad un certo punto pare preparino la rivoluzione violente e fascista pensando di rubare a casa di un cacciatore le sue doppiette con le quale fare il colpo di stato ( sic. ) - Qualsiasi normale fruitore delle ambientali ed intercettazioni in questione al limite si sarebbe preoccupato di chiamare gli assistenti sociali e l' Asl , ma non le griffate e rampanti nostrane toghette rosse affamate di statistica e anelanti al delirio di onnipotenza sui media di regime ed asserviti che leggono solo le loro veline ( delle toghe rosse intendo), cui non è parso vero di massacrare chi già sciancato dalla storia e dalla politica ed indifeso, non come Sofri, Bompressi e Pietrostefani + Marino, cui hanno addirittura regalato cinque o sei gradi di giudizio e figli intelligentissimi e scrittori/opinionisti a prescindere da gavetta, e mogli/fidanzate idem anche per profili estetici, il tutto, ripeto per divinazione sic et simpliciter,  ed a prescindere . Consegue anche il risvolto economico nel caso di specie che non è ultimo, visto che qualcuno aveva anche pensato di far fare a Sofri il mentore per le questioni carcerarie et similia non escluse quelle di terrorismo e Curcio docet. - Dicevo non c'è chi non vede come i pericolosi rivoluzionari sedicenti fascisti e mai smentiti neanche sotto il profilo letterario dalle toghe e per i motivi ut supra, se parlano male di Equitalia, del sistema delle ruberie e della condizione di degrado delle istituzioni ( a proposito chi di noi non lo ha fatto almeno una volta al giorno ? ) e pensano, si badi bene, di rubare le doppiette del cacciatore per fare un anzi il colpo di stato, debbono essere arrestati e non ricoverati alla neuro, anche perché, se ritenuti malati invece che terroristi fascisti, va a puttane il fatto mediatico, la carriera delle toghette rosse rampanti, la statistica idem, sempre buona per i trasferimenti ad majora. Accuse ridicole per personaggi da operetta trasformatasi per merito delle toghette ut supra in tragedia , senza sequestro di alcuna arma, esplosivo, coltello, giravite , crick ecc. ecc. ma di pc con discorsi del Duce, mai tese , eja eja alalà e bozze di costituzioni repubblicana e fascista redatte dal novantatrenne prof. Rutilio Sermonti, anch'egli morto nelle more , che, almeno a mia conoscenza, ne avrà redatte tre o quattro versioni nel suo lungo periodo di esperienza politica e di scrittore. Quindi nessun presupposto di terrorismo in fieri ma baggianate che basta leggere dai monumentali atti del processo che è costato al solito Pantalone parecchi milioni e fino ad ora e che ancora non comincia nonostante due anni dagli arresti e la richiesta di giudizio immediato."
Ricciardi: "La signora De Ritis, lancianese, consigliera comunale, recentemente deceduta a causa di una patologia tumorale che da tempo ne minava la salute, era stata sottoposta a parecchi mesi di custodia cautelare in carcere: in che modo i magistrati del caso avevano motivato un provvedimento così drastico verso una presunta innocente, per definizione, dato che non si era in presenza di alcuna condanna, tantomeno definitiva? In che modo considera che la scelta di tali provvedimenti fossero da confutare?"
Vecchioli: "Katia, come noto agli inquirenti e documentato in atti dal mio valoroso collega codifensore avv. Giacinto Ceroli, era notoriamente paziente oncologica ed aveva appena terminato un ciclo di chemioterapia ed avrebbe dovuto ripetere come da calendario, e noto in ragione dei protocolli appunto chemioterapici ma, arrestata a metà dicembre '14  e quasi subito deportata a Lecce, è stata privata di ogni assistenza e non ha mai potuto continuare il suo regime di chemioterapia con aggravio della sua condizione, numerosi malesseri, ricoveri anche al P.S. del locale ospedale e fino al momento delle mie due denunce alla Proc.ra AQ a carico di qualsiasi responsabile dei fatti che ci occupano ( illegittima detenzione di paziente oncologico ...violazione del diritto alla salute ...abuso d'ufficio ??? )  e contro il Carcere di Lecce che non si attivava nel senso che precede e per rimuovere quanto oggetto di denuncia. Naturalmente c'è stata archiviazione perché nel regime/sistema le toghe, soprattutto se rosse ed anche toghette, sono " irresponsabili..."  et non absit injuria verbis. Però dopo le mie due denunce Katia è stata rimessa in libertà e le è stato consentito di curarsi ma, aimè, troppo tardi e sul punto stiamo preparando un secondo round di denunce."
Ricciardi: "Ci sono ulteriori considerazioni, sul caso di Katia De Ritis, che non sono state adeguatamente rimarcate sul versante della stampa, ed, in generale, sul piano dell'informazione, che può sottolineare in questa occasione?"


Vecchioli: "La stampa di regime ha sempre e soltanto riportato la voce delle procure e delle toghette rosse permanendo nel political correct dell'andazzo noto,   e solo perché io ho messo la faccia e firmato le due denunce, al fine di vendere i fogliacci, ha riportato prudentemente però quanto da me fatto, senza mai intercalare e/o fare alcun commento politico come invece sempre per Sofri & C. , potendosi dedicare a massacrare impunemente e come suggerito dai sodali pm gli sciancati dell'operazione  cosiddetta " Aquila Nera " - Ma quando avremo il processo? Chi verrà processato  e perché? Quali sono stati i presupposti che hanno determinato tanto sperpero di pubblico denaro ed inchiesta così rimbalzante sui media da geograficamente riguardare l'intera penisola ed anche l'ex Jugoslavia ? Come mai per indagati sparsi per tutt'Italia è stato nominato un solo difensore d'ufficio in L'Aquila che, naturalmente non poteva trovarsi a Milano, Brescia, Padova ecc. ecc. in contemporanea per garantire le perquisizioni ed evitare gli abusi e le sveltine da caserma come in un contesto civile ? Ma i solerti giornalisti di regime e che sbavano di democrazia, libertà, giustizia ecc. ecc. quando si toccano i sodali nulla hanno rilevato sul punto dall'altezza della loro consapevole conoscenza di quanto accadeva ? La mia risposta è che sparare su chi già sciancato della politica e della storia è facile e comodo, altro che Sofri & C." 
http://www.fascinazione.info/2017/03/vecchioli-cosi-hanno-fatto-morire-katia.html

-----------------------------------------------------------------------------------------------------
altri 4 articoli: 
22/12/14
 http://mauriziodangelo.blogspot.it/2014/12/la-ricostruzione-de-laquila.html

29/12/14
 http://mauriziodangelo.blogspot.it/2014/12/la-ricostruzione-de-laquila-ccco-i.html
 
15/6/15
http://mauriziodangelo.blogspot.it/2015/06/laquila-nera-morto-rutilio-sermonti.html

2/3/16
 http://mauriziodangelo.blogspot.it/2016/03/aquila-nera-processo-rinviato.html

1 commento:

  1. A questa gente di potere giudici ,industriali ,politici consiglio LA lettura dell 'Apocalisse di Giovanni chissa' mai che un po' d' anima l'abbiano anche loro,o Timor di Dio .

    RispondiElimina